News

Per saperne di più su tutte le nostre attività e le nostre iniziative!

FedApiMed

Federazione Apicoltori del Mediterraneo

Mediterranean Forum

Forum sullo sviluppo dell'apicoltura nel Mediterraneo.

A scuola con le api

Programma di promozione dell'api-coltura.

Ape Ambiente Agricoltura

Il notiziario dell' APAU ora consultabile anche online!

Corsi e Seminari

Partecipa ai nostri corsi e seminari.

Domande Frequenti

I giusti consigli per una apicoltura di qualità.

Cerca nel sito

 

Come raggiungerci

Ingrandisci la mappa


 

I mieli dell'Umbria:

Miele di Castagno

Miele dal colore scuro con tonalità rossastre. Cristallizzazione molto lenta secondo il grado di purezza del nettare e la presenza o meno di melate che tendono a scurirlo e renderlo liquido. Di sapore forte leggermente amarognolo dall’odore caratteristico, il miele di castagno è ricchissimo di sali minerali, soprattutto di ferro; per questo è adattissimo ai convalescenti, agli anemici e agli sportivi. È anche ricco di tannini che gli danno il caratteristico gusto penetrante ed aspro.
Zone di produzione: alta valle del Tevere
Epoca del raccolto: primavera

Miele di Erica

Colore ambra con tonalità aranciate. Cristallizzazione grossolana e irregolare; la massa del miele, mai dura, può assumere un aspetto stracciato tipico di questo miele quando presenti un grado di umidità leggermente superiore alla norma. Delizioso all’assaggio, il miele di erica ha sapore delicato ma pieno. Non si trova facilmente perché le produzioni non sono mai eccessive. Viene prodotto in primavera.
Zone di produzione: alta valle del Tevere
Epoca del raccolto: primavera

Miele di Acacia

Colore da bianco acqua ad un tenue giallo paglierino a seconda della purezza e della provenienza. Cristallizzazione molto lenta, fino a due anni. Contiene un’alta percentuale di fruttosio. Il miele di acacia è noto come il miele che resta sempre liquido, forse perché, vista la sua bontà, la durata di un vasetto di questo miele in casa è spesso molto inferiore al suo tempo di cristallizzazione.
Zone di produzione: alta valle del Tevere
Epoca del raccolto: primavera

Miele di Girasole

Colore giallo vivo e intenso. Cristallizzazione da medio-fine a grossolana. Cristallizza molto rapidamente, anche in due o tre settimane, fino a diventare una massa compatta e dura. Il sapore, forte nel breve periodo della fluidità, tende a stemperarsi diventando delicato dopo la cristallizzazione. È un ottimo emolliente per le tossi stizzose delle prime vie respiratorie. Classico miele estivo, racchiude nelle sue caratteristiche tutta a solarità della pianta e della stagione.
Zone di produzione: ubiquitario
Epoca del raccolto: estate

Miele di Sulla

Colore molto chiaro, quasi bianco. Cristallizzazione regolare in massa compatta a granulazione fine e tenera. Il sapore è molto tenue e a volte con un leggero aroma come di fieno appena tagliato. Il miele di sulla assomiglia molto a quello di acacia sia nello stato liquido che in quello cristallizzato. Molto somigliante anche nel sapore presenta, rispetto a quello di acacia, delle note più discrete e delicate. È un classico miele primaverile, quando la sulla fiorisce in pianura e in media collina.
Zone di produzione: Umbria-Toscana, Orvietano
Epoca del raccolto: estate

Miele di Lupinella

Colore da bianco ad ambra molto chiaro. Cristallizzazione fine in massa compatta e morbida che si scioglie facilmente a temperature moderate. Il sapore è delicato e molto gradevole. La lupinella fiorisce spontaneamente in collina su terreni abbandonati. Un destino comune a vari tipi di leguminose (trifoglio, sulla) o graminacee (loglio, loglietto) e a tutte quelle piante un tempo adoperate come foraggio per il bestiame, la cui coltivazione è stata quasi ovunque abbandonata. Per tale motivo il miele di lupinella è da considerare raro.
Zone di produzione: dorsale orientale (monti di Gubbio-Gualdo, Oasi naturale di Colfiorito, Parco dei Monti Sibillini)
Epoca del raccolto: estate

Miele Corbezzolo

Colore ambra con tonalità grigio-verdastre. Ha un sapore inaspettato, forte e amaro che, dopo un’iniziale sensazione di dolce, si fa sentire in tutta la sua particolarità. Miele adattissimo ad essere abbinato con formaggi dal sapore altrettanto forte. Il miele di corbezzolo si produce in autunno, per questo non si trova facilmente e sempre a prezzi molto sostenuti.


Zone di produzione: Orvietano
Epoca del raccolto: tardo autunno

Miele Millefiori

È il re dei mieli. Impossibile definirlo per le caratteristiche che variano in relazione alla composizione dei fiori usati di volta in volta dalle api. Un’unica caratteristica accomuna tutti i millefiori: la cristallizzazione che avviene quasi sempre nel corso di alcune settimane. Il millefiori può avere colore chiarissimo a pasta fine come ambrato, fino a scuro a cristallizzazione grossolana, dal sapore più intenso. È anche il miele maggiormente prodotto e consumato.

Zone di produzione: Ubiquitario
Epoca del raccolto: tarda primavera, estate

Miele di Melata

La melata proviene dalla linfa dei fiori, ricca di sostanze zuccherine, estratta dagli afidi ed espulsa sotto forma di goccioline che le api raccolgono e trasformano in miele. I mieli di melata sono generalmente scuri, a volte quasi neri con tonalità dal rossastro all’ebano che raramente cristallizzano. Esistono anche mieli di melate esclusivamente vegetali, senza la mediazione degli afidi. Ci sono molti tipi di miele di melata; in Umbria il più diffuso è quello di quercia.

Melata di quercia........Colore bruno tendente all’ebano, a volte quasi nero. Cristallizzazione in grani medi o grossolani a formare una massa compatta ma non dura. Sapore forte. 

Disciplinare di produzione relativo al riconoscimento del diritto di concessione del marchio di tutela e garanzia del MIELE UMBRO   Scarica il Disciplinare in PDF